REGOLA 7: Il Mercato Libero

 


1. Norme Generali

 

Il Mercato Libero, cioè l’acquisto e lo svincolo di calciatori, è regolato dalle seguenti disposizioni:

 

a.    Il Mercato Libero, ovvero le operazioni di acquisto e svincolo dei calciatori sono permesse a partire dalla prima giornata del fantacampionato fino all’ultima giornata del fantacampionato stagione fantacalcistica.

 

b.    È possibile acquistare soltanto calciatori “liberi da contratto”, cioè calciatori non tesserati da altre squadre della Lega.

 

c.    Una squadra può acquistare uno o più calciatori ‘liberi da contratto per settimana.

 

d.    Un calciatore svincolato, cioè tagliato dalla rosa di una squadra per far posto a un nuovo acquisto, diventa ‘libero da contratto’ e può quindi essere acquistato, a partire dalla settimana successiva, da qualunque altra società, ma in nessun caso essere riacquistato al Mercato Libero nel corso della stessa stagione da una squadra per cui era tesserato in precedenza. Fanno eccezione a questa regola quei casi per cui si è costretti a tagliare un calciatore o per altre motivazioni che in qualche modo non siano volontarie ad esclusione degli infortuni.

 

e.    I calciatori acquistati al Mercato Libero possono essere schierati in squadra a partire dalla prima giornata di campionato disponibile.

 

f.     Non c’è limite al numero di calciatori acquistabili al Mercato Libero, ma per quanti acquisti una squadra faccia, il numero di calciatori della sua rosa non dovrà mai superare i 25 elementi, quindi per ogni calciatore acquistato si dovrà svincolare un calciatore dello stesso ruolo.

 

g.    I calciatori disponibili sul Mercato Libero sono quelli che compaiono nella lista della sezione mercato del sito della Lega.

 

h.    È nell’interesse del fantallenatore controllare l’esito della sessione di mercato verificando la corretta assegnazione o no dei calciatori. I reclami per eventuali errori di assegnazione devono pervenire entro il giovedì della settimana successiva.

 

 

2. Mercato Libero

 

L’acquisto di un calciatore al Mercato Libero si svolge sotto forma di ‘chiamata’ e, se necessario, tramite successivi ‘rilanci’ e poi ‘buste’, in base alle seguenti disposizioni:

 

a.    Una squadra può ‘chiamare’ uno o più calciatori ‘liberi da contratto’ per settimana, offrendo il valore base del calciatore (quotazione Gazzetta in quel momento moltiplicato per 0,40 arrotondato all’unità per difetto o eccesso rispetto allo 0,50. Es. calciatore quotato 9 valore 3,60 offerta= 4). Le offerte inferiori al valore base del calciatore saranno nulle. Le offerte (o ‘chiamate’) devono essere pubbliche e comunicate a tutti i fantallenatori attraverso la pagina Mercato del sito Internet della Lega entro la data di scadenza.

 

b.    Al momento dell’offerta, è fatto obbligo al chiamante di dichiarare l’eventuale calciatore tagliato alla fine dell’asta per fare spazio al nuovo elemento acquistato. Se si presentano più offerte, per ognuna di esse andranno indicati gli eventuali tagli. Lo stesso dicasi per il fantallenatore che chiede un giocatore in prestito per la Lista Infortunati, qualora pervengano rilanci ed egli decida di partecipare all'asta (per l’acquisto a titolo definitivo o per il prestito oneroso). Qualsiasi chiamata priva dell’indicazione degli eventuali tagli sarà annullata salvo nel caso in cui chi ha chiamato l’alternativa rilancia sulla sua stessa alternativa (questo solo perché il programma in questo caso non permette di mettere il taglio).

 

c.    Le squadre avversarie che intendono acquistare lo stesso calciatore comunicano l’intenzione di rilanciare, senza specificare l’entità in crediti del rilancio stesso. Anche in questo caso, occorre indicare il calciatore che verrà tagliato in caso di successo alle buste.

 

d.    Dalla data della scadenza Chiamate (solitamente sabato ore 14:00) fino a quella dei Rilanci (10 minuti dopo) ogni squadra può comunicare l’intenzione di rilancio per i giocatori cui è interessata.

 

e.    Alla scadenza delle intenzioni di rilancio (solitamente sabato ore 14:10)  saranno mostrati i calciatori acquistati definitivamente (quelli cioè che non hanno avuto intenzioni di rilanci); nello stesso periodo vi sarà la sessione dei rilanci tra i fantallenatori che hanno chiamato un giocatore e coloro che hanno espresso l'intenzione di fare un rilancio: tali rilanci saranno in busta chiusa. L'offerta minima dovrà essere superiore di quella iniziale della chiamata.

 

f.     Alla scadenza delle modifiche (solitamente sabato ore 14:20) saranno visibili le offerte più alte con i vincitori delle aste. In caso di parità di offerta, si aggiudica il giocatore la squadra peggio piazzata in classifica in quel momento, e se la parità persiste, la squadra con la peggior Somma Punti.

 

g.     Una squadra che ha necessità di acquistare un calciatore ma non ha la possibilità di seguire le fasi di mercato, può chiamare nella prima fase di chiamata, un calciatore in alternativa senza indicare il calciatore ceduto, effettuando così due chiamate. Non occorre indicare l’offerta per l’alternativa. Nel caso in cui vengono chiamati più calciatori dello stesso ruolo con un alternativa, essa sarà valida per tutte le chiamate, (es. non mi aggiudico uno dei due prendo l’alternativa) così come nel caso in cui vi sono più chiamate e più alternative, la scelta dell’alternativa presa sarà fatta in ordine di chiamata. Le alternative possono anche essere più di una, ed è possibile rilanciarle nella fase “intenzione di rilancio”.

 

h.    Chi non si aggiudica nessun'asta acquisterà le eventuali alternative al costo della valutazione Gazzetta moltiplicato per 0,40 (arrotondato poi per eccesso o difetto all’unità).

 

i.      Dalla 33° giornata (compresa) in poi  i calciatori ceduti non potranno essere acquistati e resteranno quindi fuori dal mercato.

 

j.      Se, per effetto del trasferimento di un portiere a titolo definitivo da una società di Serie A a un’altra, una fantasquadra si ritrova con 3 portieri appartenenti a 3 diverse società di Serie A, essa manterrà regolarmente il portiere ceduto ma entro la settimana successiva dovrà tagliare il terzo portiere (quello in prestito) e richiedere in prestito al Mercato Libero un nuovo terzo portiere appartenente alla stessa società di Serie A di uno degli altri due