REGOLA 10: La formazione

 


1. Schema di gioco

 

a.    Ciascuna squadra dovrà schierare i suoi 11 calciatori in base alle seguenti disposizioni:

 

                                     I.        La formazione dovrà essere composta da un minimo di 3 difensori e un massimo di 5, un minimo di 3 centrocampisti e un massimo di 5, e da almeno un attaccante fino a un massimo di 3;

 

                                    II.        In base alle disposizioni di cui alla lettera precedente, le formazioni possono essere schierate nei seguenti moduli:

 

4-3-3; 5-3-2; 4-4-2; 5-4-1; 4-5-1;3-4-3; 3-5-2;

 

 

                                   

2. Comunicazione della formazione

 

a.    Prima dell’inizio della gara, entro la scadenza fissata dal Regolamento, gli allenatori hanno l’obbligo di comunicare la formazione attraverso il sito internet o se impossibilitati al Presidente di Lega e, per conoscenza, all’allenatore dell’altra squadra.

 

b.    Prima dell’inizio di una gara che preveda l’eventuale disputa dei tempi supplementari e dei calci di rigore, gli allenatori hanno l’obbligo di comunicare, oltre alla formazione, la lista dei rigoristi.

 

c.    La formazione può comunque essere modificata fino alla scadenza del termine di comunicazione.

 

 

3. Mancata comunicazione della formazione

 

a.    Nel caso che un allenatore non comunichi la formazione al Presidente di Lega entro la scadenza stabilita, , sarà considerata valida agli effetti della gara la formazione comunicata la settimana precedente. La squadra verrà sanzionata con una penale di euro 5,00 e dalla seconda volta in poi la squadra sarà punita con tre (3) punti di penalizzazione in classifica per ogni omissione più una penale pari ad euro 10,00 che raddoppia ad ogni omissione successiva (es. 10 – 20 – 40 ecc.). Nelle ultime 10 giornate la sanzione viene raddoppiata.

 

b.    Nel caso che alla prima giornata di campionato un allenatore non comunichi la formazione entro la scadenza stabilita, il Presidente di Lega dovrà compilare, per la squadra del suddetto allenatore, una formazione d’ufficio schierata con il modulo 4-4-2 e comprendente il primo portiere, i primi 4 difensori, i primi 4 centrocampisti e i primi 2 attaccanti in ordine decrescente di costo di conferma o acquisto all’asta. La panchina sarà composta dal secondo portiere, il quinto e sesto difensore, il quinto e sesto centrocampista, il terzo e quarto attaccante, individuati con il medesimo criterio. In caso di parità di costo tra due o più giocatori, saranno preferiti quelli che forniscono il Totale-Squadra minore.

 

c.    Nel caso di malfunzionamento del sistema automatico del sito, la formazione deve essere fatta pervenire al Presidente di lega e per conoscenza all’allenatore della squadra avversaria, via Sms o in qualunque modo sia possibile verificare l’ora e la data di invio. Se l’sms o l’email non dovesse giungere a destinazione per problemi di rete o guasti tecnologici, si applicherà il punto a della presente regola.

 

4. Errori nella comunicazione della formazione

 

a.    Alla consegna delle formazioni, il Presidente deve controllare, come farebbe un arbitro prima della partita, i ‘cartellini’. Deve cioé verificare che ciascun calciatore in formazione appartenga effettivamente alla rosa di quella squadra e che le formazioni siano schierate secondo i moduli stabiliti, e in generale secondo le disposizioni delle Regole del Gioco.

 

b.    Nel caso che un allenatore commetta un errore, il Presidente di Lega dovrà comportarsi nei seguenti modi:

 

                      I.        Se un fantallenatore schiera in formazione giocatori non tesserati per la sua squadra, detti giocatori saranno considerati assenti e tolti d’autorità dalla formazione. Al momento del calcolo del risultato, i calciatori in questione saranno sostituiti dalle riserve di ruolo schierate in panchina, secondo l’ordine di priorità. Questi subentri valgono come vere e proprie sostituzioni ai fini del raggiungimento del limite massimo di sostituzioni possibili (3).

 

                    II.        Nel caso in cui un allenatore schieri in formazione un calciatore squalificato, la squadra sarà sanzionata con una penale di euro 5,00

 

                   III.        Nel caso una squadra giochi in inferiorità numerica per 3 volte in un campionato, sarà sanzionata con una penale di euro 10 che raddoppia ad ogni volta successiva alla quarta (es. 10 – 20 – 40 ecc.). Se ciò dovesse però verificarsi nelle ultime 10 giornate, la penale si applica dalla seconda volta in poi per chi ancora era a quota zero, dalla prima per chi era a quota 1 con le sanzioni raddoppiate ulteriormente.

 

                  IV.        Se un fantallenatore schiera due volte in formazione lo stesso giocatore, questo sarà considerato una volta sola e al posto dei titolari mancanti subentreranno le riserve del reparto, secondo l’ordine di priorità.

 

                   V.        Se lo stesso giocatore compare in formazione sia tra i titolari che tra le riserve, questi verrà considerato titolare ed escluso dalla panchina.

 

                  VI.        Nel caso una squadra schieri in un reparto un numero di giocatori insufficiente rispetto al limite minimo previsto dal presente Regolamento (punto 1, lettera a di questa stessa Regola), i giocatori mancanti per ricostituire il numero minimo saranno pescati automaticamente tra le riserve del reparto in questione e, se necessario per mantenere gli 11 titolari, saranno esclusi d’ufficio i giocatori che hanno ottenuto i migliori Totali-Calciatore negli altri due reparti di movimento. A parità di Totale- Calciatore conteranno i soli voti e in caso di ulteriore parità sarà preferito per convenzione il modulo più difensivo. Questi giocatori non scaleranno in panchina, ma saranno esclusi dalla formazione. Qualora un reparto non consenta a sua volta riduzioni di numero a termini di Regolamento, l’operazione sarà compiuta nel reparto di movimento rimanente.

 

                 VII.        Nel caso una squadra schieri in un reparto un numero di giocatori eccedente il limite massimo previsto dal presente Regolamento (punto 1, lettera a di questa stessa Regola), verranno esclusi tanti giocatori di quel reparto (quelli che hanno ottenuto i migliori Totali-Calciatore) quanti ne occorrono per rientrare nel limite e, se necessario per mantenere gli 11 titolari, saranno pescati dalla panchina i giocatori che hanno ottenuto i peggiori Totali-Calciatore negli altri due reparti di movimento, rispettando però l’ordine di priorità delle riserve. Qualora un reparto non consenta a sua volta l’inserimento di un giocatore in più a termini di regolamento, l’operazione sarà compiuta nel reparto di movimento rimanente.

 

               VIII.        Se una squadra schiera più di 11 titolari ma non c’è un reparto in sovrannumero, sarà escluso il giocatore che ha ottenuto il miglior Totale-Calciatore in assoluto nei reparti di movimento, ma sempre a patto che la sua esclusione non determini un’inferiorità numerica nel suo reparto rispetto a quanto previsto dal presente regolamento (punto 1, lettera a di questa stessa Regola), altrimenti la scelta ricadrà sugli altri reparti di movimento.

 

                  IX.        Se una squadra schiera meno di 11 titolari ma la scelta sulla riserva da ‘promuovere’ può ricadere su più reparti, verrà preferita quella che ha ottenuto il peggior Totale-Calciatore.

 

                   X.        Le sostituzioni per effetto di errori nello schieramento della formazione sono da considerarsi prioritarie rispetto a tutte le altre sostituzioni.